Vienna imperiale, Vienna romantica, Vienna sognatrice, Vienna classica o moderna, Vienna del Valzer e della musica, Vienna dell’arte e dei pittori, Vienna divertente, Vienna organizzata… Ci è rimasta nel cuore e nei pensieri. (Metticelo un titolo, no?!?!)

Vienna imperiale, Vienna romantica, Vienna sognatrice, Vienna classica o moderna, Vienna del Valzer e della musica, Vienna dell’arte e dei pittori, Vienna divertente, Vienna organizzata… Ci è rimasta nel cuore e nei pensieri.

Nel 2008, quando ancora eravamo ignari della bella famiglia che avremmo creato, il mio compagno nino ed io siamo andati a Vienna per 5 giorni. Da sempre avevo avuto la curiosità di visitare questa città, ai miei occhi piena di fascino e romanticismo. Dopo averla conosciuta, incontrata e vissuta posso dire che è stata all’altezza delle mie aspettative. L’ho trovata magica e avvolgente, colorata e attenta. Prima di partire mi ero documentata sulle varie attività e attrazioni, per cercare di ottimizzare al massimo il tempo a disposizione. Ovviamente non abbiamo potuto vedere tutto, ma siamo riusciti comunque a sfruttare ogni nostro momento per iniziare ad esplorare Vienna. Se tornassimo di nuovo vorrei visitare ciò che quella volta abbiamo lasciato indietro e mi piacerebbe addentrarmi anche nei suoi dintorni, ad esempio la valle della wachau, dichiarata patrimonio culturale dell’UNESCO. Noi siamo andati ad agosto perché così abbiamo potuto sfruttare le ferie estive, ma sarebbe bello immergersi nell’atmosfera fiabesca dei mercatini natalizi, anche se probabilmente il clima potrebbe essere un po’ avverso. Ovviamente ci siamo lasciati del tempo per andare a zonzo nelle stradine della città, guardando negozi, turisti, centri commerciali e rilassarci! Quando si visita una nuova città, è importante avere guida e cartina, ma per noi è “necessario anche seguire le emozioni e la pancia perdendoci e ammirando quartieri, costruzioni, negozi, viottoli che magari non sono negli itinerari standard!

Noi siamo stati fortunati in tutto: le giornate erano calde e soleggiate, ma la non umidità presente nell’aria faceva in modo che riuscissimo a fare tutte le nostre camminate comodamente e senza accaldarci troppo. Inoltre abbiamo trovato utile e divertente che qua e là ci fossero disseminate lungo le vie delle “doccette” (non so come chiamarle, forse dionizzatori?) che spruzzavano finissime e leggerissime gocce d’acqua in modo da potersi rinfrescare “senza bagnarsi” e ripararsi se faceva troppo caldo. Per i turisti che vanno in giro a visitare tutti gli angoli di Vienna credo sia proprio una bella trovata!

Anche l’albergo era perfetto, non era in zona centralissima, ma con poche fermate si raggiungeva il fulcro della vita di Vienna. Il nome del nostro alloggio era Hotel Wien, sono stati tutti molto gentili ed educati. Buona e abbondante la colazione, così come la pulizia.

DSCN1496

Il primo giorno abbiamo visitato lo Schönbrunn, antica residenza estiva della famiglia imperiale, in arte barocca. Con l’audio guida abbiamo curiosato nelle stanze reali e i loro sfarzi, poi passeggiato nel parco, ricco di verde, fiori e fontane. Purtroppo non siamo riusciti a visitare anche la Serra delle Palme, La Gloriette, il Giardino Zoologico e il Labirinto, però abbiamo apprezzato a pieno la visita del castello e dei suoi grandi esterni! I giardini sono bellissimi e ben curati con fiori e fontane. Abbiamo incontrato anche degli scoiattoli! I collegamenti sono molto comodi: la fermata è davanti al castello! Questa a mio avviso è una delle attrazioni da vedere in un viaggio, seppur breve, a Vienna.

DSCN1183    DSCN1190DSCN1219     DSCN1191 DSCN1196      DSCN1202 DSCN1215      DSCN1216

Il secondo giorno abbiamo fatto una lunga, istruttiva e divertente passeggiata in centro: Vienna imperiale con tutto il suo sfarzo dell’Hofburg  (e le carrozze con i cavalli che portano a passeggio i turisti) da una parte, Vienna modaiola con i negozi e i bar e ristoranti dall’altra. Passeggiando liberamente, ma con un occhio di riguardo alla cartina per imbatterci nelle attrazioni da gustare, abbiamo visto la chiesa St. Michael, Karlskirche, l’Hofburg e lo Schatzkammer, il Cafè Mozart, La Saatsoper, la serra delle farfalle, l’Albertina, Ringstrassen Galerien, il Museum Quartier, il Volkstheater (teatro popolare)…  Il centro di vienna è dichiarato patrimonio storico e culturale dell’umanità dall’Unesco.

volkstheater  DSCN1250  DSCN1258  DSCN1259 DSCN1349  DSCN1353

Grazie all’Hofburg, complesso in stile barocco, si scopre e si capisce lo sfarzo della vita dei monarchi austro-ungarici dell’epoca: si possono visitare sia le camere private per entrare nella quotidianità dell’imperatore Francesco Giuseppe, la sua Elisabetta (Sissi), i loro figli ed il loro seguito, che quelle di rappresentanza da cui gli Asburgo guidavano il loro regno. Al suo interno sono presenti anche molti musei e collezioni artistiche, un centro congressi ed è l’attuale residenza del presidente della repubblica austriaca. Si possono ammirare i numerosi saloni, la camera dove si tenevano le conferenze del consiglio dei ministri e della corona, le sale adibite per gli ufficiali dello stato maggiore, la sala delle udienze, lo studio dell’imperatore, il salone e la camera di Sissi…

complesso hofburg    DSCN1253

Tra tutti i musei a disposizione nel complesso Hofburg, abbiamo deciso di visitare la camera del tesoro (Schatzkammer), dove abbiamo ammirato, tra tutte le altre cose, la corona del sacro romano impero e degli Asburgo, i gioielli e i paramenti reali. Si resta a bocca aperta davanti a cotanto sfarzo, testimonianze conservate del potere  e della sontuosità che hanno anche un inestimabile valore.

La serra delle farfalle: spettacolo vero! Si entra nella riproduzione di una piccola foresta, dove sono lasciate in libertà tantissime farfalle esotiche di ogni specie. Lo scenario è l’ideale per fare delle foto particolari, le farfalle che ti svolazzano attorno, cascate, mini stagni, ponticelli di roccia…! Anche se siamo usciti moooolto accaldati, perché all’interno ci sono 26°, ma con un altissimo tasso di umidità,  questa secondo me è un’esperienza che merita di essere vissuta.

DSCN1327    DSCN1324

DSCN1314    DSCN1326serra delle farfalle    DSCN1313

Da non dimenticare, ma anzi, da ringraziare, sono i due parchi accanto all’Hofburg, il Volksgarten e il Burggarten, per averci fatto rilassare e riposare nel loro verde. Nel primo parco c’è la statua di Sissi, mentre nel secondo parco in stile inglese  ci siamo rinfrancati dopo aver visitato le farfalle ed ospita la statua di Mozart con un’aiuola a forma di chiave di violino.

DSCN1401    volksgarten

Nel Museumsquartier ci sono una grande varietà di laboratori artistici, negozi, musei moderni, bar e ristorantini, che hanno fatto in modo che diventasse uno dei centri dell’attività culturale di Vienna e un agglomerato artistico tra i più grandi d’europa.DSCN1360    museum quartier

Il terzo giorno abbiamo visto Il duomo di Santo Stefano (Stephansdom), che è la cattedrale di Vienna, nonché un altro dei suoi simboli. Costruzione gotica il cui tetto è ricoperto di tegole di tanti colori con la riproduzione dell’aquila imperiale. Salendo sulla torre si ha un bel panorama della città dall’alto. In conclusione li abbiamo fatto un po’ i romantici! Poi abbiamo passeggiato per il Graben, ovvero la via pedonale e modaiola, al cui centro si trova la statua della Peste: è il cuore dello shopping a Vienna, piena di ristoranti, bar e negozi.  Continuando la camminata siamo arrivati alla piazza Hoher Markt, dove c’è un orologio particolare perché, seguendo la musica, al rintoccare di ogni ora gira una statua di un personaggio storico, e a mezzogiorno passano tutte le statue insieme al musicista Haydn, proprio come un carillon!

DSCN1370  DSCN1493     DSCN1391  DSCN1397

Siamo passati davanti al Parlamento (Reichsrat), al municipio (Rathaus) e al Burgtheater, che è uno dei teatri europei più importanti. Tra l’università e il parlamento c’è un parco, diviso a metà dalla piazza del municipio. Siamo capitati mentre stavano facendo una specie di sagra con banchetti di cibo e concertino! Qui hanno luogo delle  manifestazioni, come il mercatino di Natale, operette liriche e cinema all’aperto in estate.

rathaus

Trovo sia importante citare anche Stadspark, altro bel parco, diviso in due dal torrente Wien che ospita le statue e i busti di artisti famosi come Franz Schubert.

Essendo un pochino stanchini, ho letteralmente trascinato Nino a vedere le case di “Hundertwasser”, che sono degli edifici colorati, bizzarri e particolari. Ne è valsa la pena, prima di tutto perché sono spettacolari! Questo artista e architetto austriaco, progettando un mondo coloratissimo, ha riqualificato il quartiere di LandStrassedato con degli edifici eccentrici.

DSCN1419 DSCN1423 DSCN1425

Poi perché nel tragitto per raggiungere le case vediamo un uomo steso in una specie di campo da calcio con del sangue vicino… Mamma mia, che succede????? Poi però ci accorgiamo che non c’è polizia, ne allarmismo… bah, strano… C’è un cagnolone pastore tedesco, un uomo che mi sembra di conoscere e… Kaspar kapparoni?!?!?!? Stanno girando le puntate austriache del Commissario Rex, quando ormai la regia era passata in Italia. Io adoro quell’attore! Mentre mi affannavo e mi arrampicavo a fare foto, da un pizzetto dove mi ero accovacciata vedo che Nino parlava con un tipo della produzione e saluta Kaspar, mi fa vieni “ciao ciao” con la manina… Mi affretto a raggiungerlo, ma essendo dall’altra parte del campo non faccio in tempo e kaspar se ne vaaaaaa… uffiiiii!!!!!!!

DSCN1427 kaspar

Dopo una cenetta in un ristorantino tipico abbiamo fatto una romantica passeggiata attraversando il Danubio e ce ne siamo tornati in albergo per una notte ristoratrice!

Il quarto giorno lo abbiamo dedicato ancora a un po’ di libero cammino e al Belvedere, complesso formato da due palazzi che sono separati da un enorme giardino molto bello e colorato! Al suo interno numerosi musei, ma noi abbiamo visitato solo quello del Belvedere superiore perché ero curiosa di ammirare i capolavori di Klimt, soprattutto il Bacio e la Giugitta. Il Bacio era posizionato solo quasi al centro di una stanza, e non credevo fosse così grande! Ho preso una stampa che ho appeso in sala a casa!

DSCN1451   DSCN1447

Abbiamo chiuso la giornata con la visita al Prater: parco divertimenti cittadino con attrazioni per grandi e bambini, ma anche parco verde per rilassarsi. L’attrazione principale è la ruota panoramica “Riesenradplatz” più antica d’Europa alta 64,75 metri, forse un po’ esoso il costo del biglietto, ma il giro è quasi d’obbligo…e a me è piaciuto molto. Nella cabina davanti a quella dove eravamo noi ed altri turisti, una coppia ne aveva riservata una per una cena romantica, dove ad ogni giro i camerieri lasciavano una portata… chissà cosa stavano festeggiando!

DSCN1460    DSCN1479 DSCN1484

L’ultimo giorno abbiamo fatto due passi vicino al nostro albergo entrando nei negozietti. Il mio numero di scarpe è 42 (dopo il parto forse anche qualcosina di più, ma shhhh) e qui a roma non è particolarmente facile trovarle. Mentre a Vienna è pieno di negozi che vendono scarpe “barche”, evidentemente li è molto più frequente che qui avere il piedone!  Abbiamo notato le “piscine” sul danubio, o piccole spiagge create e munite di bar, che permettono di godersi il sole o fare un bel tuffo in estate!

In conclusione Vienna ci è piaciuta molto, pulita, tranquilla, colorata e divertente! Quando siamo andati noi non era così strabordante di turisti come possono essere altre città europee… In alcuni punti sembra di tornare indietro nel tempo e sentendo le carrozze trainate dai cavalli, vivere nella sfarzosa Vienna imperiale.

Per fortuna siamo andati all’aereoporto con un larghissimo anticipo per comprare qualche ricordino, perchè il nostro volo era stato cancellato e non ci avevano avvertito, ma le hostess gentilissime ci hanno indirizzato verso un altro volo della linea austriaca che stava chiudendo in quei momenti gli imbarchi: corri, corri… pericolo scampato, aereo preso al volo!

Annunci

8 pensieri su “Vienna imperiale, Vienna romantica, Vienna sognatrice, Vienna classica o moderna, Vienna del Valzer e della musica, Vienna dell’arte e dei pittori, Vienna divertente, Vienna organizzata… Ci è rimasta nel cuore e nei pensieri. (Metticelo un titolo, no?!?!)

  1. Io ci sono stato per una decina di giorni nel 2013 e devo dire che è stata una bellissima esperienza, che ho rivissuto nel tuo post. La Gloriette non è un granchè nel senso che il panorama che vedi da lassù è lo stesso che vedi dalla sua base, per cui se hai l’ingresso compreso nel biglietto di Schönbrunn puoi andarci, altrimenti non vale la pena (noi ce l’avevamo e ci siamo tolti lo sfizio di una fetta di torta alla Pasticceria dentro la Gloriette). In più a quello che hai visto tu abbiamo aggiunto il Kunsthistorisches museum, diverse chiese, le tombe degli Asburgo, il Palazzo della Secessione, un po’ di shopping e pure il concerto di Lady Gaga alla Wiener Stadthalle…

    Liked by 1 persona

    • quando hai scritto questo commento ti avevo risposto, però mi sa che non me l’ha presa come risposta ma come commento generale… mi capita sempre e devo scrivere sempre 2 stessi commenti… hihi! ora ti riscrivo quello che credevo di averti risposto allora: “si, si! proprio bella! con 10 giorni avete avuto modo di vedere tante cose! Pure il concerto! mi piacerebbe tornare! Dicono che anche i dintorni verdi sono molto belli e varrebbe la pena di visitare!”

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...