Ariel des Anges e il suo autore Giuliano Golfieri sono tornati a trovarmi.

Benvenuti ragazzi, grazie di essere tornati, in effetti, dopo il nostro primo emozionante incontro (ecco il link), che purtroppo abbiamo dovuto interrompere per impegni importanti del nostro Ariel, avevo ancora molte curiosità da chiedervi.

In un momento in cui sembra quasi che ci siano più autori che lettori, dove il self publishing spesso non viene visto di buon occhio, romanzi particolari e un po’ controcorrente che non si uniformano alla massa, fanno la differenza e fanno ritrovare il piacere di leggere… di leggere bella narrativa.

23560033_6084205709961_8863743030612459520_n.png

Ragazzi, sapete quanto vi stimo e quanto ami il vostro romanzo, ma non perdiamoci in chiacchiere e iniziamo la nostra chiacchierata. Non sto nella pelle.

* Ariel, quando Giuliano ha iniziato a scriverti, già aveva in testa tutta la trama, oppure è andato a istinto? E se aveva già un disegno in mente, voi personaggi gli avete fatto cambiare rotta? E in quel caso, vi ha seguiti, oppure vi ha ignorati e vi ha riportato sui binari stabiliti?
Ariel: Si è limitato a fare un collage di quello che avevo già scritto io, romanzando la mia storia a suo piacimento. L’ho dovuto bacchettare un paio di volte perché stava davvero andando fuori dal seminato.
Giuliano: Alessia, per favore digli qualcosa tu! Mi tratta sempre così… a ogni modo io ascolto sempre molto i miei personaggi, che in genere mi sussurrano nell’orecchio quello che vogliono fare appena mi sveglio (il mattino ha l’oro in bocca, come diceva sempre un “vecchio amico”…)

Nel suo profilo Facebook, Ariel ci parla di lui e della sua versione dei fatti.
Ecco il link.

* Quindi, Ariel… Sei stato un protagonista prepotente? Hai fatto ciò che Giuliano aveva in mente, oppure hai fatto sentire le tue ragioni nella sua testa e hai vinto contro di lui? Hai mai deciso tu in quale personaggio “entrare”?
G: Stavolta rispondo io! Ariel è molto prepotente (non si era capito?). D’altra parte, come biasimarlo, con tutto quello che ha passato! Io mi sono limitato ad ascoltarlo, cercare di capire cosa gli fosse successo e raccontare il tutto in modo che avesse un senso compiuto. C’è voluta pazienza, tanta pazienza…

* Sei orgoglioso di essere uscito dalla penna di Giuliano? Ti va di raccontarci qualcosa di lui? Che tipo di scrittore è? Ad esempio, prende appunti non appena gli balena un’idea in mente? Utilizza foglietti e post-it sparsi da assemblare quando c’è il momento e l’ispirazione giusta, oppure è meticoloso e perfettino?
A: Meticoloso e perfettino a dir poco! Basta guardare quella scellerata “timeline” che ha sviluppato per non perdere il lume della ragione, dice, durante la stesura. Io credo che ogni scrittore nasconda in sé una punta di follia, come forse puoi intuire anche da questa stessa intervista. G. non usa mai foglietti o penna, ha sempre con sé qualche attrezzo digitale per annotare quello che gli viene in mente. E non voglio essere poco delicato, ma credo che le migliori idee gli vengano quando si chiude in bagno… ma non succede così un po’ a tutti, in fondo?
Nonostante la sindrome ossessivo compulsiva che a mio avviso un po’ lo affigge, Giuliano ha un modo di scrivere molto istintivo, sincero e diretto. Questo è senza dubbio uno dei motivi per cui ho deciso di affidargli le mie memorie. Sono stato davvero fortunato a trovare qualcuno in grado di sopportarmi e ascoltarmi, traducendo in qualcosa di compiuto quello che a un orecchio meno aperto all’esoterismo sarebbe sembrato solo il farneticare di un pazzo.

21272410_111557889583405_4107397996999343707_n

Ariel… la tua foresta!

* Mentre lui ti scriveva, quale era il suo umore? Era sicuro di sé, di te e di ciò che stava narrando? Mentre ti pensava, scarabocchiava, sentiva la musica, oppure era in religioso silenzio?
A: Giuliano ha una grande passione per la musica rock e non riesce a scrivere senza il giusto sottofondo musicale. Io invece sono un cultore della musica classica, come potrai immaginare. Nelle mie memorie purtroppo se ne parla poco, ma ti assicuro che aver visto suonare dal vivo Mozart e Beethoven crea un certo legame con la maestosità dell’opera.
So che numerose pagine sono state scritte durante i suoi viaggi, ama molto scrivere in treno. In questo siamo simili: anch’io ho scritto buona parte delle mie memorie viaggiando su velieri e carrozze. Trovo sia un ottimo modo per ingannare il tempo.
Mi pareva piuttosto sicuro di quello che man mano scriveva, ha scartato davvero pochissimo dalla prima stesura.
È fortunato Giuliano, ha accanto a sé una donna meravigliosa: la bella Rossana, alla quale è toccato il duro lavoro di revisione del testo. Pensa che dopo ogni piccolo avanzamento quotidiano, come un rito, lei rileggeva a voce alta e correggeva in tempo reale eventuali strafalcioni. Avrà riletto tutto Alter Ego almeno una dozzina di volte, trovando sempre qualcosa da migliorare o sistemare. È una donna davvero attenta e paziente, e sono certo che aiuti molto Giuliano a non perdersi per strada, nella vita così come nella scrittura.

* Che tipo di rapporto ti piacerebbe costruire con i tuoi lettori, Ariel? Credo che ti piaccia averci intorno, io sono amica tua su Facebook, come di Giuliano.
A: La storia di farmi iscrivere a Facebook è stata di Giuliano, pensava fosse una buona trovata pubblicitaria, ma a dire il vero ho poco tempo e interesse da dedicarvi. Poi, come ho già detto, non amo la tecnologia. Ammetto di essere felice quando qualcuno mi contatta attraverso quei canali e mi chiede dettagli e spiegazioni (che spesso non posso dare con precisione) sulla mia vita. Ho attraversato tempi di grande solitudine, ma in questo particolare momento storico apprezzo i molti modi che la gente ha per mettersi in contatto, seppur a enorme distanza. Se pensi che ai tempi di Alter Ego far arrivare una lettera da un altro continente richiedeva mesi e mesi… poi spesso non arrivava a destinazione perché la nave affondava o il “postino” si perdeva per strada. Ora basta premere un tasto e sei ovunque sul pianeta. Non mi sono ancora abituato alla magia di queste nuove tecnologie, nonostante le abbia viste nascere e abbia conosciuto da vicino alcuni dei personaggi chiave che le hanno date alla luce.

Riecco il booktrailer

* Invece tu, Giuliano, tendi a tenere le distanze, oppure assumi un atteggiamento confidenziale con chi ti legge?
G: Sono una persona molto aperta al dialogo e apprezzo sempre il contatto con i lettori. Purtroppo, non ho mai fatto una vera e propria presentazione pubblica di Alter Ego, chissà se Ariel non deciderà di rivelarsi al mondo e affiancarmi quando lancerò il seguito del romanzo. Che ne dici, Ariel?
A: Sei ammattito? Sai bene quali sarebbero le conseguenze di un gesto tanto scellerato. C’è sempre in giro qualcuno che vorrebbe vedermi morto… potrei partecipare tra il pubblico al limite, in incognito. Credo sarebbe divertente.
Grande… dai dai dai! Non vedsrei l’ora di abbracciarlo!

* Cosa desideri per il tuo futuro o quello delle prossime creature di Giuliano? La pubblicazione nel catalogo di qualche casa editrice? Cosa cambierebbe dall’essere self? Puoi dirci se Giuliano ha già progetti per romanzi futuri?
A: Ne abbiamo discusso molto e il mio consiglio iniziale era quello di inviare la mia storia a un editore tradizionale. Però Giuliano è la persona più impaziente che io conosca, mi disse che non avrebbe resistito mesi aspettando delle risposte che non sarebbero probabilmente mai arrivate e optava per quest’altra diavoleria del vostro tempo, il “self publishing”. Roba da far ribaltare Gutemberg nella tomba! Nonostante fossi scettico, proseguimmo per quella strada e mi sono dovuto ricredere dopo aver visto i risultati.
Parallelamente al seguito di Alter Ego, Giuliano sta scrivendo un thriller basato su un vero fatto di cronaca tuttora irrisolto. Ho trovato questa idea molto interessante e lui sostiene che si tratti di un genere che “tira di più” (parole sue) rispetto ad Alter Ego (che irrispettoso, aggiungerei…), forse sarà la volta buona e lo convincerò a mandare quest’opera a un vero editore, chissà!

* Sogniamo. Chi desidereresti ti interpretasse in una eventuale trasposizione cinematografica? Con quale regista ti piacerebbe lavorare? E la colonna sonora?
A: Uno degli attori che apprezzo di più negli ultimi anni è Matthew McConaughey. Mi piacerebbe vederlo alle prese con la mia vita, interpretando la seconda parte delle mie memorie, quelle che ancora non conoscete. Per quel che riguarda la mia giovinezza, gli anni di Patu e Casanova per intenderci, vedrei bene nei miei panni Jamie Campbell Bower, un giovane attore comparso in numerosi film tra cui Harry Potter, Twilight e Sweeney Todd. La prima volta in cui l’ho visto ho notato una intensa somiglianza col mio aspetto dei bei tempi andati.
Patu invece aveva dei tratti quasi esotici, ho ritrovato i suoi occhi distanti tra loro e un po’ strabuzzati nello sguardo penetrante di Rami Malek.
Amo le storie in cui il tempo viene “stirato e compresso”, mi fanno sentire meno solo col mio destino. Interstellar e Inception sono dei veri capolavori in questo senso e il maestro indiscusso del genere a mio avviso è Christopher Nolan. Sarei onorato e felice se raccontasse lui la versione cinematografica della mia curiosa vita.
Per la colonna sonora chi potrebbe essere meglio di Hans Zimmer, capace di tessere atmosfere allo stesso tempo malinconiche, epiche e potenti? Ha già lavorato molto con Nolan, sarebbe il connubio perfetto!
Ti distingui anche in queste scelte!

Riecco Alter Ego in 10 secondi

* Raccontaci le emozioni di Giuliano nel momento in cui ha pigiato il bottone della pubblicazione…
A: Ci sentimmo al telefono quella notte, era in visita da sua madre a Sanremo. Restò sveglio fin quasi all’alba per scrivere la presentazione che avrebbe introdotto il romanzo su Amazon, non l’ha mai modificato da allora credo. Era così felice di poter finalmente condividere col mondo la “nostra creatura”, e anche un po’ spaventato dal giudizio dei lettori. Ma le quasi 150 recensioni positive ricevute ormai lo hanno tranquillizzato, forse.

* Perché dovremmo leggerti?
A: In Alter Ego troverete avventura, azione, amicizia, amore e un pizzico di sensualità. Se poi vi incuriosisce vivere dall’interno alcuni dei momenti che hanno fatto la storia, rendendo realtà quello che avete studiato sui libri di scuola, credo sia il romanzo che fa per voi.

* Io ho divorato anche l’altro libro di Giuliano: Come fosse l’ultima. Ci parli brevemente di questo racconto?
A: So che Giuliano compose il racconto per un concorso, ma chi lo leggeva commentava di vivere lungo la lettura emozioni forti passando dal divertimento, al coinvolgimento, alla commozione. In poche pagine Giuliano aveva colto le sfumature del tragicomico, così cambiò idea e rese pubblica la breve storia. Credo che Jacopo, il protagonista, rappresenti una versione estremizzata dell’autore. L’aneddoto iniziale, per esempio, è accaduto realmente a G. e ancora oggi ne porta i segni in gola. Ha anche le tazze di South Park e di NY descritte nel racconto e ogni mattina è realmente indeciso su quale usare…
Ha sempre avuto un grande interesse verso i fatti dell’11 settembre, negli anni ha guardato tutti i documentari a riguardo (ufficiali e complottisti) e ha parlato con chi vide crollare le torri gemelle con i propri occhi. Io e Giuliano abbiamo parlato a lungo delle varie teorie in circolazione. Ho letto la tua recensione di “Come fosse l’ultima” e so che anche un tuo amico ha rischiato di rimanere coinvolto nei fatti di quella tragica giornata… Giuliano ha una sua personalissima teoria riguardo quanto accadde quel giorno, ma per la narrazione si è voluto attenere rigorosamente ai fatti di cronaca.

51k+Drj0w+L._SY346_

* Ariel, sei consapevole di essere il protagonista di un romanzo particolare, avvincente, diverso dagli altri in circolazione, pazzescamente strano, commovente… Aahahah si capisce che mi sei piaciuto tantissimo? Non ti montare la testa, però. Ancora sto aspettando il mio giro di trasmigrazione! Dai, trasmigri in me???? Me lo avevi promesso!
A: Hai uno spillo?
Ops!

* Giuliano, Ariel, volete dire qualcosa che non vi ho ho chiesto, ma di cui avete piacere di parlare?
G: Io vorrei ringraziarti di cuore, Alessia, per aver supportato questo progetto fin dagli inizi. Sei stata tra le prime a dare fiducia a un autore sconosciuto e a recensire il romanzo con entusiasmo. È grazie a persone splendide come te che gli autori emergenti trovano la forza per continuare a scrivere e cercare di far arrivare a un maggior numero possibile di lettori le proprie folli idee. In molti credono che sia un gioco, ma scrivere bene (o per lo meno, provarci) è un grosso impegno che necessita di tempo e sacrificio. Inoltre, tranne quella ventina di rari fortunati che campano coi propri romanzi in Italia, la scrittura è uno sforzo che si affianca a un “lavoro vero”. È una passione che richiede una quantità di energie che ancora oggi non so bene dove riesca a trovare!
A: Non posso che sottoscrivere quanto appena detto. Grazie Alessia!
Grazie a voi ragazzi, per avermi catapultato nelle vostre avventure, in attesa di leggere le altre!

* Potete fare una domanda a me… anche due: entrambi! 😀
G: Cosa avresti fatto se a un certo punto della tua vita avessi scoperto di avere il potere di Ariel?
Uh mamma mia… Non ne ho idea davvero.

A: Giuliano, dimentichi che, se la teoria di Martin fosse corretta, ora Alessia potrebbe essere stata contagiata dal mio potere… A proposito, io non ho domande da farti, dopo la nostra esperienza utlracorporea di poco fa conosco ogni tuo segreto, Alessia.
E questa cosa… mi terrorizza.

* Per concludere, vi lascio campo libero, fate o dite qualunque cosa voi vogliate.
G: Approfitto di questa occasione per annunciare pubblicamente che Alter Ego è attualmente in fase di traduzione! Tra qualche mese sarà disponibile in inglese, cercherò di far arrivare l’incredibile vita di Ariel anche ai lettori internazionali che amano questo genere un po’ particolare tra il fantastico e lo storico. Il fatto di essere stato per un po’ nelle classifiche fantasy di Amazon al secondo posto dopo Harry Potter dovrebbe aiutare nella promozione 🙂
A: Io vorrei sottolineare l’accuratezza storica dei luoghi e dei personaggi citati in Alter Ego. Nonostante Giuliano abbia scelto di romanzare una storia ai confini con la realtà, ha comunque cercato di attenersi il più possibile ai fatti.
Patu, per esempio, è stato veramente un drammaturgo e grande amico di Giacomo Casanova (che lo nomina spesso nelle sue memorie): https://fr.wikipedia.org/wiki/Claude-Pierre_Patu
E Alfred Fournier, il mio simpatico “antenato baffone”, era un vero medico specializzato in malattie veneree: https://it.wikipedia.org/wiki/Jean_Alfred_Fournier
Anche l’Arcivescovo Giovanni Maria Benzon è stato dipinto esattamente come era in realtà: https://it.wikipedia.org/wiki/Giovanni_Maria_Benzon
E così come loro, molti altri personaggi anche secondari sono realmente esistiti. Credo che questo grande lavoro di ricerca aggiunga qualcosa al racconto.
Inoltre, Giuliano ha nascosto qualche “easter egg” nel romanzo e mi ha detto che alcuni lettori li hanno già scoperti. Per tutti gli altri (vale per chi ha già letto Alter Ego), suggerisco per esempio di fare un giro con Google Street View al misterioso indirizzo che Martin mi diede poco prima di premere il grilletto…

Giuliano Golfieri su Amazon: ecco il link!

Ora posso solo augurare ad Ariel, a Giuliano e a tutti i suoi progetti futuri un grande in bocca al lupo, perché se lo meritano.

Grazie di avermi assecondato in questa folle intervista. Spesso cose tipo questa passano un po’ inosservate, ma invece io credo che siano buoni modi di interazione e conoscenza tra autori e lettori, cercando di entrare dentro ai romanzi. E quando un autore è gradevole e disponibile come Giuliano, si percepisce anche dentro ai suoi scritti, che quindi vengono apprezzati dai lettori!

Riecco il primo capitolo (se invece volete leggerlo con gli occhi ecco il link dell’anteprima gratuita in pdf) letto dall’autore:

8 pensieri su “Ariel des Anges e il suo autore Giuliano Golfieri sono tornati a trovarmi.

  1. Ho letto l’introduzione e solo la prima domanda che mi è piaciuta molto. i due piani, autore e personaggi, si intrecciano e si intersecano tra realtà e finzione. Nella vita dello scrittore e di noi lettori quante volte riusciamo a distinguere le due dimensioni? Lo scrittore ma anche un lettore possono diventare irreali rispetto ai personaggi che invece possono rappresentarsi più reali. Comunque(ah ah ah), sei un imbrogliona: stai lì a mischiare le carte e a confonderci.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...