culetto definitivamente spannolinato!

Da una settimana via pannolino anche di notte…!

evvivaaaa!!!!!

culetto libero e felice!!!!!

Per portare un po’ di fortuna metto la foto della prima vera caccotta sul vasino del 1 giugno…!

IMG_20150601_144747  Povero jerry!

in realtà non ama molto il vasino, perchè le fa male, preferisce il riduttore…

quando siamo fuori casa dobbiamo lavorarci ancora un pochino, perchè i bagni dei locali le fanno un po’ schifetto, come dice lei… mentre se siamo all’aria aperta prima di annaffiare gli alberi ed i fiori la trattiene un po’ perchè si vergogna, ma poi cede e si fa ringraziare dalla vegetazione per avergli dato da bere! che tipa buffa!!!!

ho fatto un errorino, perchè dopo la prima caccotta quel primo giorno non voleva più farla ne sul vasino ne sul water… come se avesse paura… poi tra i video scaricati casualmente ce n’era uno che parlava del vasino e allora si era convinta…

invece il giorno dopo sarebbe stata in bici la mattina con il papi e il pomeriggio con gli zii… quindi ho pensato di metterglielo solo quel giorno… l’indomani eravamo tornati indietro… ma il giorno stesso la svolta l’hanno fatta le scarpette e le ciabattine nuove, che si sarebbero rovinate!

IMG_20150609_110928   IMG_20150609_111007

e da una settimana anche la notte siamo a posto!!! culetto felice, e anche portafoglio! hihi!!!!

SEI PIU’ BRAVA TU DI ME…

Non credevo che la prendesse così bene… Mi ero detta, speriamo che riesca a darle la sisotta almeno fino ad un anno. Passato l’anno ho deciso che avrei continuato fino ai 18 mesi. Passati 18 mesi ho voluto continuare fino a due anni. Passati due anni ho voluto continuare ancora, perché vedevo che ne aveva bisogno, dicendo che sarei arrivata a più o meno due anni e mezzo. Mi preoccupava il modo in cui sarei riuscita a toglierle questa sicurezza, invece mi sono stupita di come ha reagito. Ha sempre avuto l’allattamento esclusivo al seno fino allo svezzamento. Ho avuto la fortuna di avere abbastanza latte e ben nutriente! Ovviamente non si è più o meno mamme relativamente alla sisotta, semplicemente ognuno sceglie come comportarsi. Poi dipende anche da questioni fisiologiche, capita che il latte non ci sia, o non basti…

Passati i 18 mesi hanno iniziato a non comprendere la mia scelta, per gli effetti negativi che avrebbe avuto su di noi… La pediatra ha detto di fare come mi sentivo di fare io.

Il periodo dell’allattamento è stato bellissimo, non mi è mai pesato, e secondo me è servito anche a lei per creare un buon attaccamento, darle sicurezza e renderla autonoma, SI, secondo me ho fatto bene!

Era un momento tutto nostro, ed era divertente vedere che quando ciucciavi, nulla poteva distrarti, tu dovevi fare quello e basta! Poi quando sei cresciuta, ballava anche mentre ciucciava, mugolava canzoncine…

Ora, da più grande è stato un modo per calmarla, o per coccolarci se eravamo state lontane mentre ero al lavoro, o per addormentarsi. Noi occidentali non vediamo di buon occhio questa situazione, perché è strano vedere un bimbino, non neonato, attaccato al seno. Quando Lia ciucciava, mi guardava, sorrideva con gli occhi, mi accarezzava… Dopo si leccava i baffi e diceva “mmm, buona la sisotta” Ho iniziato tre mesetti fa ad accontentarla quando lo chiedeva solo per il riposino quotidiano e per la notte. Poi poco tempo fa solo per la notte. Inizialmente ho dovuto usare un escamotage: mettevo un po’ di aceto sulla sisa, cosicchè trovasse l’odore non più piacevole. Al suo posto le offrivamo caramelle, oppure cercavamo di distrarla.

La sera si addormentava ciucciando, ultimamente, dopo aver bevuto da una sisotta, diceva “mamma, l’altra, che questa è finita”, e così anche con l’altra… evidentemente stava diminuendo. Però a lei bastava ed era contenta! Da qualche parte ho letto che i bambini capiscono da soli quando è il momento di smettere. Secondo me invece Lia non lo avrebbe capito senza un aiutino…!  Ero preoccupatissima, credevo che ci sarebbero state urla, isterismi, notti insonni. Così mi dicevano, visto che più si va avanti e più si  attaccano… bah! Poi intorno ai due anni, prima di decidere di ridurre le poppate, me lo chiedeva spesso e si agitava se le dicevo di no senza motivo…

Lavoro in una scuola di specializzazione in psicoterapia basata sulla teoria dell’attaccamento. E’ frequentata da psicologi e medici che vogliono diventare psicoterapeuti. Essendo in età “da marito” molte allieve fanno bambini, che poi portano a scuola per i primi mesi. C’è una di loro, che ha allattato la figlia fino a due anni e mezzo, e mi parlava della sua esperienza, così mi sono rincuorata ed ho deciso di andare avanti per la mia strada!

Ognuno dovrebbe riuscire a fare quello che in quel momento ritiene giusto!

Domenica 14 giugno 2015 è stata l’ultima volta che Lia ha preso la sisotta! La sera prima di dormire mi chiede “mamma, la sisa puzza? Ah vabbè, allora l’acqua” e mangia una caramellina mentre siamo sul lettone a cercare di dormire! E anche quando si sveglia la notte, visto che la sisa puzza prende l’acqua e basta!

Probabilmente il pericolo di dipendenza era per la mamma, e non per la figlia… A settembre andrà alla scuola materna (lei non vede l’ora) e credo che sarebbero stati troppi cambiamenti. Vista la sua reazione era proprio questo il momento giusto…

Che brava sei stata piccola mia… Molto più di me…Ora che lo sto scrivendo mi viene il magone… Probabilmente è stato più difficile per me, che per te… stai crescendo…  Eri piccolina, tutta da proteggere, ti cambiavo sulla lavatrice per non farti prendere freddo, sembravi fragile, come tutti i neonati, che poi in realtà forse così fragili non siete. Non mi sembra di averti fatto tutto questo male ad averti allattato fino ad ora: nonostante i tuoi 32 mesi di età, sei fiera, forte, socievole, indipendente, difendi bene le tue idee. Fai subito amicizia quando andiamo al parco: ti metti davanti agli altri bambini, anche più grandi, e chiedi come si chiamano, per poi correre e giocare!  Grazie per avermi regalato tutte queste emozioni. Questi momenti solo nostri probabilmente non li dimenticheremo e sono fiera di averti dato il seno fino ad ora…

basta che sennò piango!

Mamma, la sisa puzza?!

Mamma, mamma, la sisa puzza, vero? allora prendo l’acqua…!

che strano, le sisotte di mamma da una settimana puzzano sempre…

prima puzzavano solo di giorno e invece la notte mi coccolavano…

boh! Mi mancano un po’, però mi sembra che sto bene anche così…! che strana sensazione… c’è un piccolo tassello che non trovo più… strano, ma riesco a dormire anche così, giocando, leggendo, guardando i cartoni, facendoci le carezze e parlando sul lettone…

a volte mi dicevano che ero grande e che la sisa non dovevo prenderla più… MA PERCHE’? in quel momento per me era una cosa bellissima… non potevo stare senza! anche se mamma ultimamente non me la dava più sempre quando la volevo! Ma il momento che ci mettevamo sul letto e ciucciavo era ancora bello! forse ora posso farne a meno… me le ricorderò sempre, mamma… è stata la prima cosa bella che ho avuto dopo il tuo abbraccio il 23 novembre 2012! Quel giorno sono uscita dal mio mondo buio, ma luminoso, ovattato, ma non silenzioso, dove sono stata per 9 mesi (anzi più! hihi!) e ho avuto un po’ paura i primi istanti… poi ecco un calore, un profumo conosciuto, rassicurante, rilassante! eri tu! e quando mi hai avvicinato al seno ho subito capito cosa dovevo fare. Che magia… che spettacolo… io potevo crescere grazie alla tua sisotta, che dal primo momento mi ha fatto avere un legame magico con te.

Il ricordo della sisotta sarà con me, ma forse hai ragione, è arrivato il momento che posso farcela anche senza! Ma tu sei triste??? mica parto per la legione straniera, semplicemente non ciuccio più!

VITA DA GIUNGLA… alla riscossa!

IMG_20150609_124056  IMG_20150609_124145

Un nuovo cartone su rai yoyo! Mi piace un sacchissimo!!!!!! Poi, visto che è appena iniziato, le puntate ancora sono quasi tutti episodi nuovi!

Lia si diverte tanto a “seguire” le avventure di questi strambi animali. Ho scritto seguire tra virgolette, perché il seguire di una bambina di 2 anni e mezzo è relativo, e lo vede facendo altre mille cosette! Però si sbellica dalle risate! E visto che adora gli animali, questa è la serie perfetta per lei!

Questi buffi animali dai colori sgargianti e accattivanti, hanno formato una squadra per combattere le ingiustizie della loro giungla: riescono sempre a portare a termine le missioni e aiutare chi ha bisogno di aiuto, anche se goffamente e timorosamente, perché non sono coraggiosissimi,

IMG_20150609_124135   IMG_20150609_124112

Miguel è un gorillone enorme buono, timido, tenero e subito pronto a partire in prima linea; Gilbert è una scimmiettina piccolina, ansiosa e sempre un po’ restio nell’affrontare le varie avventure; Bob e Al sono due rospotti; Fred è un facocero a cui piace cantare e per finire c’è Batricia, un pipistrello a cui hanno dato delle sembianze troppo buffe!

IMG_20150609_124122

A capitanare tutti i protagonisti è il pinguino cicciotto Maurice che ha i colori di una tigre, perché è convinto di esserlo e     coinvolge i suoi amici nelle mille avventure per difendere gli altri dai pericoli. Sotto la sua aletta porta un ampolla con un pesce tigre che sguazza e salta fuori all’occorrenza!

Pranzetto con le sorelle, cestini di prosciutto e meringhette! wow, sono venuteeee!!!!!!!

Ieri è stato il primo giorno di vacanza dalla scuola per Eliana e Chiara, le figlie del mio compagno che vivono con noi, nonchè sorelle di Lia! Sapevo che piccoletta sarebbe stata contenta, ed infatti hanno ballato, giocato e cantato! Poi hanno cucinato! Dovevano spezzettare nella padella il prosciutto crudo e cotto… La metà è finita nei loro tre pancini affamati!

IMG_20150609_130034   IMG_20150609_130216

Poi, dopo averli fatti rosolare ed insaporire con aglio e peperoncino ci abbiamo condito la pasta, insieme ai tuorli d’uovo sbattuti con latte e parmigiano! Lia si è divertita un mondo! Di solito se facciamo la carbonara usiamo anche gli albumi, anche se non si fa così, però stavolta volevamo provare a fare le meringhe, anche se credevamo che non sarebbero mai venute!

IMG_20150609_125050   IMG_20150609_131301   IMG_20150609_132037

Come antipasto abbiamo fatto dei cestini di prosciutto crudo, mettendoli negli stampini da muffin, e facendoli seccare qualche minuto in forno, poi riempiti con scaglie di parmigiano e carota grattata! (Adoro anche i cestini di parmigiano grattato!)

Ci sono diverse ricette e tanti consigli per fare le meringhe. Chi usa solo lo zucchero semolato, chi anche quello a velo, chi mette aromi come l’anice, i coloranti alimentari, oppure un pochino di limone per mantenere bianco e brillantezza…

Noi abbiamo usato in totale 250 gr di zucchero, di cui 60 gr erano zucchero a velo (rimasto da quello dei panettoni), tre albumi d’uovo (tolti ai tuorli per la pasta del pranzo) e una bustina di vanillina. Abbiamo montato i tuorli con un pizzico di sale finche sono diventati ben fermi, poi a mano a mano abbiamo aggiunto le polveri continuando a sbattere finchè non sono diventati duri… e lucidi! uh che belli, sembrava panna montata!!!!

IMG_20150609_150236   IMG_20150609_150639

IMG_20150609_150840   IMG_20150609_151002

Non avendo il sac a poche, abbiamo fatto le merighette con l’aiuto di un sacchetto per congelare trasparente, a cui abbiamo fatto un foro in un angolino. Ne abbiamo fatta avanzare un pochino perchè Lia ci ha letteralmente sommerso le mani, seguita da chiara… Chissà se è stata una buona maschera di bellezza?!?!?!

IMG_20150609_150659

Poi le abbiamo infornati col forno caldo a 100° tenendo lo sportello socchiuso per non farle bruciare. Dopo un’oretta ho abbassato a 80°. Appena scattata l’ora e mezza di cottura ho iniziato a controllarle e ogni tanto ne aprivo una… Passate due ore sembravano cotte. Che emozione!!!!!!!!!!! sono venute!!!!!!!!! incredula chiamavo Chiara ogni tanto per farle vedere le nostre piccoline! Anche lia ogni tanto veniva e diceva entusiasta: che cariiiineeee! le abbiamo fatte noi!” Lei è sempre orgogliosa quando fa o dice qualcosa di nuovo! A cottura ultimata le abbiamo lasciate freddare dentro il forno, tenendo sempre lo sportello socchiuso!

IMG_20150609_205316

Prima le meringhe mi piacevano moltissimo, ora le trovo troppo dolci, quindi non è un dolce che amo particolarmente, però anche il sapore era buono! Sono già quasi finite!

Mamma mamma, corri… c’è un popotamo!!!!

Qualche giorno fa stavo cucinando e Lia era sul balcone a giocare con Pocchiolino, il nostro coniglietto nano.

Ad un certo punto Lia entra di corsa e mi dice tutta euforica: “Mamma mamma, corri… c’è un popotamo!!!!”

“Ma dove Lia, sul balcone???”

“Nooooooo, vieniiiii!!!!! vediiii!!!!”

Al che vado fuori e…. Ecco il suo Ippopotamo!

IMG_20150524_201808

Poi ha trovato anche il mare con il delfino!

IMG_20150524_201828

Beh, tutti ci siamo divertiti a trovare le varie forme guardando le nuvole!!!!!