Intervista a Gabriel, protagonista del libro “La scelta dell’angelo” di Valentina Piazza

Emoziooooneeeeee!
Io ho conoscenze alte… ma quando dico alte, intendo proprio alte… ma alte elevate… ma elevate putenti… 
sto parlando nientepopodimenoche…
…di un ARCANGELO. Gabriel, il protagonista del nuovo romanzo “La scelta dell’angelo” di Valentina Piazza. (Link amazon) Un libro che intreccia sapientemente presente e passato, ricostruendo le vicende storiche del nostro passato, come la peste, la carestia, la violenza ai tempi dei nazisti, la conquista… tutte cose che Gabriel e i suoi fratelli hanno dovuto combattere.
Come al solito, Valentina ci fa camminare sul filo che divide, unendo, la realtà dalla fantasia, e i loro fili si intrecciano senza riuscire più a capire dove finisca l’una e dove inizi l’altra. 
Gabriel nasconde un segreto. Come tutti i suoi fratelli, ha attraversato le ere della storia, compiendo una scelta che ha cambiato il suo presente, determinando per lui un nuovo futuro. 

91678266_10221145894539062_9037707721704472576_o
Ma cosa succede quando Gabriel incontra Lilith?
“Gabriel è pronto a sfidare ogni legge, pur di salvarla. Darà tutto, solo per poterla amare…”

“Il mio amore per te è estremo, nasconde una potente luce che folgora, ma brilla a tal punto da proiettare su di me le ombre eterne della nostra dannazione.” 

Eccolo, emana una luce avvolgente, cioè non posso vederla ma la percepisco, entra dentro di me e mi riscalda. Ed è bellissimo. I suoi occhi sono profondi, da perdersi al loro interno. E sembra potente, dà sicurezza.
Mi tremano un po’ le gambe, lui in silenzio si avvicina a me e mi saluta. Io lo faccio accomodare e inizio subito con la prima domanda.

* Parlami brevemente di te, Gabriel.
Ciao Alessia, è un piacere rivederti. Io sono un medico primario, ma tu già lo sai… Per la precisione un chirurgo pediatrico del Saint Thomas Hospital di Londra. Ho lavorato per Medici Senza Frontiere e ho visto il mondo, ma Londra è quanto di più vicino a una casa io abbia mai avuto.

* Cosa hai sentito, mentre Valentina scriveva il romanzo? Eri come risucchiato dalla forza della sua penna?
Valentina mi ha semplicemente lasciato vivere, devo dire di essere stato prepotente nel voler raccontare la mia storia, non tacevo mai e mi sono riversato sulla pagina. Un comportamento molto poco angelico da parte mia…

* Vuoi dirle qualcosa?
Vorrei dirle grazie e chiederle scusa se sono stato impetuoso nel raccontarmi, ma non potevo farne a meno, so anche che lei lo sa già.

* E Lilith?
La mia Lilith è l’ancora che mi tiene sulla terra, il perno che mi permette di bilanciare il divino e il terreno, è l’amore della mia vita. Se chiudo gli occhi mi sembra di vederla, è sdraiata sul divano e sta leggendo un libro; è bellissima… 

* Mentre Valentina scriveva, quindi, hai detto di non aver seguito le sue idee, ma sei stato prepotente e capriccioso e hai fatto di testa tua?
All’inizio ho obbedito, sono stato calmo e ho seguito l’idea di Valentina fedelmente, ma presto è uscito il mio vero carattere e la rabbia che mi attraversava, unita all’amore che iniziavo a vivere, ha fatto esplodere le emozioni che, a quel punto, sono state difficili da contenere. Allora ho iniziato a essere prepotente, a voler dire e fare.

* Saresti contento se Valentina scrivesse degli altri Arcangeli, i tuoi fratelli?
Mio fratello Michael ha un passato difficile e un avvenire da scrivere, sarei felicissimo se Valentina parlasse di lui, come anche Rafael, il più ponderato fra noi, potrebbe avere dei segreti, nascosti nel suo nobile cuore.

* Cosa si prova a spiegare le ali e a volare? E ad amare?
Volare per me è lasciare che l’angelo viva. Tenere le ali nascoste è difficile, è una punizione; volare è la libertà. Amare, d’altra parte, mi fa sentire umano e la Terra è il posto che io ho scelto; prima amare era impensabile, ma ora è inevitabile, trovare Lilith è stata una fortuna, tenerla con me sarà una sfida. Dopotutto, lei resta umana… ma non voglio pensarci per adesso, voglio vivere il nostro amore. Se verranno dei problemi sono sicuro di poterli affrontare. 

Mentre risponde a questa domanda si alza e spiega le ali. E il mio cuore inizia a correre veloce: è immenso, regale, irreale. Eppure è qui, davanti a me, e io mi sento invadere da un calore e da una sensazione così piacevoli che mi sembra di essere protetta e invincibile.

* Ultima curiosità. Vuoi dire qualcosa ai tuoi lettori?
Ai lettori dico grazie, grazie della fiducia e della compagnia. Già, compagnia, perché se io la offro a voi con un libro da leggere, non vuol dire che voi non la diate a me con la vostra presenza… Grazie di cuore. 
Io credo che questo messaggio arrivi da parte di Valentina che la lascia dire dalla bocca del suo angelo.

Grazie Alessia, è stato davvero un piacere parlare con te, spero che ci rivedremo presto.
Grazie a te, Gabriel, di tutte le emozioni che mi hai fatto provare.

92582996_10221264741590164_4945207275686985728_o

Bene, Valentina, questa è una cosa che io dico a te, e anche molte altre lettrici te lo impongono, immagino. Ora devi regalarci anche la storia di Michael e di Rafael… Ma in realtà potresti continuare ancora, eh. Vogliamo l’Enciclica… ahahahah! (Link pagina autrice facebook)

Leggendo questo libro io mi  emozionata e ho vissuto alcuni stralci delle epoche passate col fiato sospeso. Gli ingredienti ci sono tutti. Mistero, suspense, amore, avventura e passione. Sì, perché l’angelo, in quanto a passione, non ha nulla da invidiare ad altri. La sua passione è tutta umana. Quindi mescola nel suo animo la sua immortalità di angelo eterno e divino con gli istinti di noi mortali. Mix esplosivo.

Grazie di avermi aperto le porte del Paradiso.   

90056931_2608958179385715_4071332149943336960_n

L’equilibrista

Non sono pittrice, non sono scrittrice… ma se lo fossi mi piacerebbe immaginarmi come il “Viandante sul mare di nebbia”.

Viandante sul mare di nebbia

Dicono che il pittore debba dipingere soprattutto quello che vede dentro di sé, non solo quello che ha davanti ai proprio occhi.

Non è bello però sentirsi come una spettatrice stanca imprigionata tra una discesa ed una salita. Come dice Alda Merini, spesso sembra di avere trovato la soluzione illuminante a tutti i problemi in uno strano delirio di onnipotenza… Ma ad un certo punto si rinsavisce e si capisce di avere trovato solo la punta dell’iceberg.

E allora? che si fa? Si buttano tutti i fogli all’aria, si battono i pugni ed i piedi, si maledice il giorno in cui hai preso una decisione…

E poi? non serve a nulla piangersi addosso. Non l’ho mai fatto e non concepisco chi lo fa. Invece ci si deve rimettere in discussione, si respira, ci si calma e si ricomincia.

Mi sto accorgendo di essere più emozionale e meno razionale di quanto pensassi… Ma forse è anche questa nuova certezza che mi sta dando carica ed energia! A volte mi costringo a seguire un’emozione, anche se ci vuole più coraggio che a lasciarla scappare. Perchè non sono forte, ma reagisco!

Ad un certo punto si tirano le somme. In alcune cose appongo della resistenza per il timore di non farcela, per arrestare una crescita, un cambiamento. Tante domande che si rincorrono in testa, che annebbiano le mie sicurezze, perchè io di sicurezze ne ho, solo che a volte giocano a nascondino. Ma essendo umani credo che sia giusto così!

Poi quando raggiungo un obiettivo, non per forza materiale, sono orgogliosa di aver creduto in me, anche sola contro il cosmo (esagerata mo!) e avere fatto un passetto, anche se non da gigante, ma importante per la costruzione di me!

A volte è bello fare l’equilibrista che cammina sul filo delle emozioni, anche senza rete!

Volevo ringraziare alcuni di voi amici di blog, che leggendovi mi avete spronato a non scappare, anche se a volte mi si sbucciano i fili… eccetera eccetera!

Ah… e preciso che non so se da fuori questo sembra un post triste, ma in realtà non lo è affatto… Anzi!

Sarà la primavera…

In questi giorni sono in vena di ricordi, sentimentalismi… Sarà la primavera…

I pensieri di quando sei ragazza sono tutt’altro di quando hai una famiglia…

Ricordo i primi giorni di scuola, le prime cotte per il compagno di classe, o per il bello dell’istituto…

le prime emozioni guardando un film immedesimandosi nella protagonista…

Vuoi essere mia amica…

scriviamo un bigliettino a Fabio e digli che ti piace…

Mi passi il compito…

Ma come ti sei vestita???

le prime uscite con le amiche…

la prima vacanza da sola…

la patente…

le prime cotte…

io e la mia amica che ci svegliamo all’alba per andare a prendere un caffè a santa marinella

le prime gite con il gruppo di amici di allora…

quando ho passato due ore a stirare i miei capelli mossi perchè dovevo uscire con un tipino carino e lui poi, chiacchierando, ha detto che adora i capelli ricci… è vabbè, allora ditelo!

il mio personale bello e impossibile di quel gruppo che non mi fila, mi scherza, mi ci fa credere, poi mi ributta giù… i momenti in cui era bello prepararsi per farti notare proprio da lui…

I suoi occhi neri grandi e profondi che mi colpivano dritti alla pancia…

Quello che invece ti filava, ma tu non lo guardavi, perchè ti piaceva l’altro…

i pianti…

le delusioni…

le risate…

i successi…

hei, ma quel tipo guarda proprio me…

come sto? i capelli non mi piacciono… uffi però!

il primo bacio, come si fa… aiuto… uh che emozione!!!

Cose che non torneranno mai più, ma vissute appieno prendendo tutto quello che potevo avere in quel momento… che guardando indietro rifarei diversamente, semplicemente perchè col senno del poi e con qualche esperienza in più si ha più consapevolezza… ma è stato giusto viverle proprio così come sono venute…

l’arrivo del mio amore…

la ricerca del lavoro…

la costruzione di una famiglia…

altri tipi di esperienze…

le amicizie che sono rimaste da allora, che a loro volta sono cresciute con, e come me!

le nuove amicizie…

i nipoti…

la ricerca di una nuova vita da amare…

l’arrivo della nuova vita da amare…

le paure e le ansie per questa nuova vita da amare…

sarò in grado di fare la mamma…? nessun genitore è più bravo o meno di un altro, semplicemente ognuno è diverso e speciale per il suo bimbo…

le gioie e le emozioni per questa nuova vita da amare…

Eccoti qui, piccola mia, già sono passati più di due anni e invece mi sembra ieri che ti abbracciavo per la prima volta…

Sono felice che tu stia crescendo, e questo devi fare, ma non nascondo che ogni tanto guardandoti mi viene un po’ di malinconia… Per fortuna ho un lavoro che mi permette di seguirti in tutto e per tutto durante questo tuo viaggio che ti accompagnerà a diventare una donna… Io da mamma ti spingo a diventare autonoma, intraprendente, a crescere, e mi diverto quando mi dici “da sola” quando vuoi che nessuno ti aiuti. Sono orgogliosa della tua caparbietà e della tua voglia di conoscenza… Però poi, solo per un momento mi rattristo un pochino, perchè tu piccola donnina di due anni e poco più stai crescendo velocemente, con delle idee ben delineate nella tua testa… credo che per ogni mamma arriva questo momento, la porta che si socchiude dal sonosempreatuadisposizione, al eccohounpo’piùditempoperme… magari oggi faccio la doccia in pace senza dover chiedere tempo a qualcuno!

Tu piccolo “gnocchetto” così simile, ma per fortuna così diversa da me… con una tua identità…

adesso ci sarà il momento in cui ti dovrò rincorrere, stagioni della tua vita, belle ed emozionanti comunque…

con tutte le tue, di prime volte…

quelle emozioni di cui parlavo all’inizio, che ho avuto io, le avrai anche tu…

Non potrò, e soprattutto non dovrò proteggerti dalle delusioni…

Anche a te piacerà un ragazzino che ti farà battere il cuore…

Io ci sarò per ogni dubbio o incertezza. ti rialzerò se cadrai, allungherò la mano se avrai voglia di prenderla…

mi farò da parte se non vorrai parlare…

gioiremo insieme dei tuoi successi e dei traguardi che raggiungerai…

,….

….

….

“I have the time of my life”. Dirty dancing.

Stamattina, mentre stavo andando al lavoro in macchina passano alla radio la canzone “I have the time of my life”.

Quanti ricordi, quante emozioni, quanti sogni…

Ho amato questo film come pochi altri…

Qualcuno potrà dire, ma che noia: la solita storia d’amore dove il bellone di turno e la ragazza benestante, timida e un po’ bruttina (che poi sboccia in tutto il suo “splendore”) non possono stare insieme perché i genitori di lei hanno sempre sperato in cose migliori per la figlia. Tutto finisce col classico “e vissero felici e contenti”. E che c’è di male nell’immergersi nel romanticismo di vivere una favola??? Da ragazzina “sognavo” che Patrick Swayze arrivasse da me con la mano tesa per invitarmi a ballare dicendomi: ”nessuno può mettere Alessia in un angolo”…

Dall’uscita di questo film nel 1987 credo che ogni ragazzina si sia emozionata davanti alle sue scene ed immedesimata, oppure abbia simulato siparietti di ballo sul tronco di un albero e nell’acqua come quando lui insegna a lei a ballare. Le insegna la sensualità, la voglia di vivere libera dai clichè, a seguire i propri desideri ed ambizioni…

IMG_20150417_133142[1]   IMG_20150417_132852[1]

Si tratta anche di temi più importanti, come l’aborto, il riscatto di persone che crescono da soli, i furti…

La colonna sonora è speciale: io ho sognato mille volte ad occhi aperti di fare quella presa meravigliosa di Baby tra le braccia del compianto Patrick. La rivincita della protagonista, ragazza semplice, acqua e sapone, che non trasgredisce mai ed è obbediente ai propri genitori. Baby durante il corso del film diventa una donna, consapevole di se stessa e delle proprie possibilità. Un amore impossibile, ma che diventa realtà.

IMG_20150417_133050[1]

Questa mattina per due minuti mi sono dimenticata di tutto ripensando a tutte quelle emozioni…

Alla fine della canzone, mi sono voltata e nel seggiolino vicino a me c’era Lia che dormiva: la mia favola la sto vivendo ora, con lei, il mio amore e tutta la mia famiglia!