THE FINGER FAMILY

Lia impazzisce per le canzoncine che abbiamo trovato in rete. Questa è una di quelle in inglese che non conoscevo, ma in realtà mi sembra invece molto famosa tra i bambini ed usata per educare un po’ all’inglese. E’ facile ed orecchiabile, infatti Lia l’ha imparata presto e la canticchia spesso. Poi noi la animiamo insieme. La sorella Chiara ha disegnato dei pupazzetti a dita, ai quali dietro ho attaccato con lo scotch un anello di carta, raffiguranti i personaggi della canzone.  E’ molto carino e cercando in rete si trovano diverse versioni: con cagnolini, peppa, principessa sofia, famiglia indiana…

finger family

IMG_20150421_095553 IMG_20150417_200341

The Finger Family.

Ecco il testo:

Daddy finger, daddy finger, where are you?
Here I am, here I am. How do you do?

Mommy finger, Mommy finger, where are you?
Here I am, here I am. How do you do?

Brother finger, Brother finger, where are you?
Here I am, here I am. How do you do?

Sister finger, Sister finger, where are you?
Here I am, here I am. How do you do?

Baby finger, Baby finger, where are you?
Here I am, here I am. How do you do?

Impariamo… o giochiamo?

Lia ha compiuto 2 anni il 23 novembre 2014, è una bambina allegra e vivace. Non sta ferma e zitta un attimo, per fortuna aggiungerei!

Certo, quando torni a casa stanca ed hai le faccende da sbrigare a volte proprio non ce la fai a starle dietro, ma è una bambina e questo è il suo lavoro!

Dal primo momento che è nata le abbiamo parlato e raccontato il mondo con i nostri occhi, cosicchè poi lei potesse farsene un’immagine tutta sua. Secondo me la sua idea è una vita piena di colori, musica, amici, idee, pasticci da combinare. Una ne fa e ottomila ne pensa! Quando era nella pancia ascoltavamo la musica, parlavamo, ci accarezzavamo e così abbiamo continuato anche dopo la sua nascita. Ora ogni suono è perfetto per ballare, anche una campana o addirittura l’ambulanza… Suona i tasti della sua pianoletta per accompagnare le sue canzoncine preferite, tipo “cappuccetto rosso vieni vieni qua…”, “farfallina bella e bianca…” “tanti auguri…”, “twinkle twinkle little star…”, “the finger family…”. Ha imparato presto a parlare e ad assemblare frasi di senso compiuto: la prima è stata al parco a 19 mesi quando a detto ad una bimba sullo scivolo “bimba no sola tu, ti appagno io!”. Da quel momento ha iniziato a parlare tantissimo ed è per questo che non si sta un attimo zitta e ferma. Con lei di certo non c’è un modo di annoiarsi! Ma del resto è come tantissimi bambini che ho conosciuto in questo periodo che trovano mille modi per far capire cosa vogliono. Cerchiamo sempre nuove attività da fare per imparare cose e divertirci. Ho trovato dei filmati in inglese, non perché volessi già insegnarle l’inglese, ogni cosa a suo tempo, ma perché tra gli altri video carini di cartoni, sigle, filastrocche e canzoncine sono capitati. E allora abbiamo imparato l’alfabeto, i colori, e i numeri fino a 15, i numeri in inglese fino a 10, twinkle twinkle little star, the finger family, happy birthday, jingle bells…  Sapete che penso? Non mi chiedo più se fare una determinata cosa e il perchè, la faccio e basta. Poi se lei vuole si diverte e mi segue, altrimenti troviamo altri modi per passare i momenti insieme! Comunque lia, chiede sempre perché, che fai, come si fa, come si dice, chi è, che c’è scritto… finchè la sua curiosità non viene soddisfatta. se poi riesce in fretta a capire, a dire o a fare urla felice: ”ce l’ho fatta!”. Nei cd che ascoltiamo e cantiamo in macchina mentre andiamo e torniamo dal lavoro (Lia poi rimane dai miei) ci sono tante canzoncine e filastrocche carine, tra cui quelle dello zecchino d’oro, oppure quelle più vecchiotte tipo La bella lavanderina, Cincirinella, quelle che recitano l’alfabeto e i colori…  Come ripeto non voglio per forza immettere nella sua testolina troppe informazioni e troppo presto, però lei le recepisce, reagisce e si diverte, quindi perché no? Ho già avuto modo di capire che a questa età i bambini sono spugne avide di sapere cosa c’è intorno a loro! Mentre faccio le cose a casa, se sono sola perché le sorelle sono a scuola e il papà è al lavoro, Lia gioca con le sue cose, inventa scenette, e guarda la televisione. Però a lei piace soprattutto rai yoyo e spesso i cartoni sono sempre gli stessi, allora per variare ho trovato dei video in rete molto carini, come sigle di vecchi cartoni che vedevo io da piccola, filastrocche animate, le canzoni di Mary Poppins, il volo fantastico di Falco della Storia Infinita, Basta un poco di zucchero del libro della giungla… Mi sono casualmente imbattuta in video anche istruttivi, o in inglese che Lia gradisce!

Questi sono alcuni momenti della nostra giornata, ma combiniamo tante altre cose e pasticci, con amici, cuginetti, zii, nonni , all’aperto, a casa… Ci divertiamo giocando, cantando e ballando insieme! Mi sono accorta che giocando, creando ed inventando Lia impara moltissime cose, anche se quello che stavamo facendo era finalizzato al puro divertimento!